Aleph Rome Hotel

di Edmondo Mingione


La bellezza e il fascino del Bel Paese attira importanti brand internazionali

Nell’immaginario collettivo internazionale, l’Italia, rappresenta una vera icona di storia, arte e cultura. Nessun luogo al mondo ha avuto una continuità così ampia nella produzione della BELLEZZA alla cui fonte, come musa ispiratrice, si è abbeverato il mondo nel corso dei secoli.

Prendiamo come esempio Roma, la Città Eterna, nella quale si fondano mille rappresentazioni della bellezza, tutte nel crogiolo della storia che ha visto un continuo fiorire di grandi opere architettoniche e artistiche le quali, a loro volta, hanno dato vita a un ero e proprio museo, certe volte a cielo aperto, capace di arredare ogni suo angolo o nascondendo, ai più, altri tesori più o meno noti. Una sublimazione artistica del sapere, ispirazione di una miriade di curiosi, intenditori, studiosi o pellegrini che arrivano da tutto il mondo per visitare questa città che, placidamente e un po’ sorniona, li accoglie con generosità. Una bellezza e un fascino ai quali non si sottraggono anche molti brand internazionali, che spesso la scelgono come porta d’ingresso sul mercato italiano, come ha fatto Harry Winston, o molti marchi italiani che continuano a investire nelle loro sedi romane. Sono sempre più numerosi quelli che contribuisco a rendere Roma sempre più bella, finanziando il restauro di monumenti importanti che sono patrimonio dell’umanità, come ha fatto Fendi, per la fontana di Trevi, o Bulgari, per Piazza di Spagna, o Tod’s per il Colosseo. Sono molti quelli che credono che Roma sia davvero la capitale del mondo e ci credono avviando forti investimenti, soprattutto nel turismo, tra progetti, aperture di hotel e restauri.

Come è il caso dell’Aleph Rome Hotel, splendida proprietà nel cuore di Roma; una gemma incastonata tra via Veneto, Piazza Barberini e la Fontana di Trevi.

Acquisito da Al Rayyan Tourism Investment Company “ARTIC” a inizio 2015, ha riaperto recentemente dopo un importante restauro affacciandosi nel panorama dell’hotellerie internazionale sotto l’egida di un gruppo di eccellenza, la Hilton, che lo ha a inserito nel suo brand Curio Collection by Hilton. La scelta di questi due grandi gruppi non è casuale. L ’edificio che ospita l’Aleph Rome Hotel, infatti, ha una storia, che si intreccia con il tessuto cittadino degli ultimi cento anni.



Inaugurato negli anni Trenta, fu sede delle Casse di Risparmio, ed il palazzo, in molti dettagli, parla ancora della sua originaria destinazione d’uso. Come ogni sede di banca, l’edificio è stato concepito per avere un aspetto imponente, rassicurante, ricco ma non sfarzoso. La facciata presenta i caratteri distintivi dell’architettura neoclassica, che conferisce importanza all’edificio, mentre la partizione verticale delle colonne doriche dà slancio e maestosità. Il portale è abbellito da un gruppo scultoreo raffigurante la Dea dell’Abbondanza, mentre l’ingresso è importante, con una scala in marmo bianco, decorata da due sculture marmoree raffiguranti leoni, che introducono nei saloni principali.

Ovunque marmo che è il filo conduttore del progetto architettonico del piano terra; marmi originali, recuperati e restaurati, dialogano oggi con i nuovi inserimenti. I pregiati arredi, realizza da artigiani italiani, valorizzano gli accessori di design presenti ovunque. Le camere hanno lo stesso format e caratteristiche di comfort, ariosità, e contemporaneità degli altri ambienti. Il sunto dell’idea progettuale del restauro è il roof, dove modernità, funzionalità e tecnologia si ritrovano nella piscina riscaldata e nelle piacevoli terrazze protese sui tetti di Roma.



Ma la sorpresa più grande è nei sotterranei dell’edificio: la meravigliosa porta originale del caveau della banca, imponente e massiccia, ancora integra e funzionante, rende unica ed affascinante quella che adesso è la spa dell’hotel. Restauri conservativi, moderne tecnologie e raffinata semplicità sono le caratteristiche della nuova veste dell’Aleph Rome Hotel, un luogo dove tradizione e modernità trovano l’equilibrio perfetto. Sappiamo bene che il fascino di una città ha inizio nel posto in cui si sceglie di soggiornare, e questo, a quanto pare, e l’idea guida che ha spinto grandi aziende internazionali a investire nell’ospitalità in Italia.



ARTICOLI CORRELATI

Carlo Ferrini, uno dei capisaldi dell'enologia italiana.
Prosecco DOC, si vola in alto se si ha il coraggio di osare
Tavolo Cristallo: l’esclusività al ristorante Acanto del Gran Hotel Principe di Savoia - Milano