Cantine aperte: alla scoperta dei territori del vino italiano

25 MAG 2018



di Cinzia Taibbi

Per i wine lovers di tutta Italia, e' in arrivo il week-end più atteso dell'anno. Sabato 26 e domenica 27 maggio godremo infatti della ventiseiesima edizione di "Cantine Aperte", che da nord a Sud, percorrendo tutte le regioni dell'italico stivale, aprirà al pubblico le porte di un cospicuo numero di cantine.

Un momento di rilevanza turistica ma soprattutto di contatto diretto tra produttori e consumatori: una stretta di mano a chi accompagna i nostri pranzi e i momenti di diletto, l'attribuzione di una dimensione umana ad una bottiglia. In fondo, visitare una cantina, non significa soltanto conoscere un sistema produttivo ma un microcosmo, dove l'equilibrio tra uomini e ambiente circostante è il punto di partenza per raggiungere l'eccellenza.

Cantine Aperte rappresenta uno nuovo stile di viaggio e di scoperta dei territori del vino italiano, che attrae, di anno in anno, sempre più turisti e curiosi alla ricerca di un’esperienza diversa dal comune. Oltre alla possibilità di degustare i vini e di acquistarli direttamente in azienda è possibile, infatti, entrare nelle cantine per scoprire i segreti della vinificazione e dell'affinamento, visitare le barricaie, sentire i profumi di muffe e di legni, scoprire di fatto, qual'è il processo che porta il vino sulle nostre tavole.

L’iniziativa, ideata e perseguita con forza dal Movimento del Turismo del Vino, si è col tempo trasformata in una straordinaria occasione di promozione del vino. Il contatto diretto tra il grande pubblico e le realtà legate alla produzione del vino si è rivelato una carta vincente, le cui potenzialità paiono essere tutt’altro che esaurite.

www.movimentoturismovino.it