Niko Romito sbarca a Roma e punta all'internalizzazione

1 FEB 2018



di Carlotta Del Bello

Spazio Niko Romito ha aperto i battenti a Roma. Piazza Verdi, zona Parioli. Un evento molto atteso, l’inizio di un progetto (Spazio Roma è il primo nato dall'incontro con Italia Cibus SpA) fatto su larga scala che mira all’internazionalizzazione del marchio. Un programma molto ambizioso (il piano prevede la realizzazione di 8 ristoranti in 5 anni, con un investimento di circa venti milioni di euro), per promuovere i valori dell'enogastronomia italiana e le sue eccellenze alimentari in Italia e nel mondo. Dopo Rivisondoli, Milano all'interno del Mercato del Duomo e Roma all'interno di Eataly Ostiense, arriva nel centro della Capitale un ‘ristorante di mezzo’ - così ama definirlo lo chef - che nasce come appendice della Niko Romito Formazione con l'obiettivo di valorizzarne le risorse. Con la moltiplicazione delle aperture il format Spazio si è evoluto e l'offerta si è riposizionata verso l'alto. Una crescita che si riflette anche nel nome: fatta eccezione per Spazio Rivisondoli, che continuerà a chiamarsi " Spazio: un progetto della Niko Romito Formazione", gli altri locali si chiameranno semplicemente "Spazio Niko Romito". A Roma un team di oltre 40 persone, capitanate da Gaia Giordano (responsabile di Spazio Roma e Spazio Milano) mette in mostra tutti i giorni dalle 7.30 alle 23 la propria arte. Spazio di sdoppia per offrire diverse proposte ad un pubblico sempre più ampio. Spazio Pane e Caffè è allo stesso tempo caffetteria, rivendita di pane e tavola calda per una clientela internazionale senza limiti di orario. La cucina e il laboratorio sono aperti no stop per garantire prodotti sempre freschi e preparati al momento. Spazio Ristorante è l’altra anima del progetto. L’impronta è quella del progetto Spazio, a cui lo chef ci ha già abituati (a Milano, precedentemente a Roma), puntando sempre sull’eccellenza e la ricerca dei prodotti. Le proposte milanesi sono riportate anche nella Capitale con varianti gastronomiche locali. Una location con un forte carattere, molto moderna accogliente. Un doppio progetto in cui batte un solo cuore. Niko Romito, il migliore chef italiano secondo la Guida dei Ristoranti d’Italia 2018 del Gambero Rosso, e protagonista di una collaborazione globale con Bulgari Hotels, si dice molto fiducioso sull’accoglienza che questo locale innovativo, moderno, all’avanguardia, avrà a Roma. Non ci resta che aspettare le future aperture. Prossima tappa New York.

Nella foto: Niko Romito e Gaia Giordano by Francesco Fioramonti