Consorzio di Tutela della DOC Prosecco

Consorzio di Tutela della DOC Prosecco

Consorzio di tutela
della DOC Prosecco

Piazza Filodrammatici 3
31100 Treviso

Contatti:

Web: http://www.prosecco.wine

Mail: info@consorzioprosecco.it

I primi documenti in cui si cita un vino Prosecco risalgono alla fine del ‘600 e descrivono un vino bianco, delicato, che ha origine sul carso triestino e in particolare nel territorio di Prosecco.

In seguito nel ‘700 e ‘800, la produzione di questo vino si è spostata e sviluppata prevalentemente nell’area collinare veneto friulana, come citato sempre dal “Roccolo Ditirambo” nel 1754 “Di Monteberico questo perfetto Prosecco …” e confermato, poi, nel 1869 nella “Collezione Ampelografia provinciale Trevigiana”, in cui si cita: “fra le migliori uve bianche per le qualità aromatiche adatte alla produzione di vino dal fine profilo sensoriale”.

In questi territori pedemontani, e in particolare nelle colline trevigiane, il Prosecco trova il suo terroir d’elezione, dove la conformazione dei suoli e il clima, permettono di valorizzare le peculiarità del vitigno. 

Il successo del Prosecco è dovuto, oltre alle caratteristiche dell’area geografica di appartenenza, essenzialmente alla capacità degli operatori di sviluppare, a partire dai primi anni del 1900, idonee tecniche di rifermentazione naturale, prima in bottiglia, poi in autoclave, come è citato in testi del 1937 “Prosecco (…) messo in botte si vende all’inizio della primavera destinandolo alla bottiglia ove riesce spumante”.

Nell’ultimo secolo si è sviluppato nell’area di produzione una rete di alte professionalità tecnico-scientifiche finalizzata a perfezionare il metodo di produzione ed elaborazione del Prosecco consentendo di esaltare le caratteristiche che lo rendono riconoscibile e apprezzato dai consumatori nazionali ed internazionali. Determinante è stata la capacità degli operatori nello sperimentare e migliorare le tecnologie di vinificazione e di spumantizzazione del Prosecco attraverso le quali gli enologi riescono a preservare gli aromi dell’uva nel profilo aromatico del vino.

In conclusione si può affermare che il Prosecco è un vino sia antico che moderno, ma la caratteristica che lo contraddistingue dagli altri vini è che soddisfa allo stesso tempo i valori di semplicità e di raffinatezza.

Torna su ->

La Denominazione e il Consorzio

La Denominazione di Origine Controllata Prosecco nasce nel 2009 dall’unione dei viticoltori, vinificatori ed imbottigliatori di 9 Provincie tra le regioni italiane Veneto (Treviso, Belluno, Padova, Venezia e Vicenza) e Friuli Venezia Giulia (Gorizia, Pordenone, Trieste e Udine) al fine di legare indissolubilmente questo vino al suo territorio di origine.

Prosecco, quindi, rappresenta un territorio con specifiche regole raccolte nel disciplinare di produzione, che determinano tutti i passaggi della filiera: dalla definizione dell’area di produzione all’etichettatura. La DOC consente di verificare il rispetto di queste regole, grazie all’intervento di un ente terzo che certifica il prodotto a Prosecco solo quando tutti i requisiti vengono soddisfatti, in particolar modo quelli relativi alle caratteristiche di consumo.

Il Consorzio di Tutela ha quindi lo scopo di garantire la qualità del prodotto e di tutelare il consumatore, ma anche di valorizzare la produzione attraverso la promozione e la protezione della denominazione “Prosecco” in Italia e nel mondo. 

Torna su ->

Produzione ed export

500 milioni sono le bottiglie di Prosecco DOC prodotte nel 2020, il 77,8% delle quali vendute all’estero.

Bottiglia PROSECCO Rosé

I tre principali mercati che assorbono circa i 2/3 della quota export sono, nell’ordine: UK, USA e Germania. Al quarto posto la Francia. Il Prosecco DOC è prodotto nelle tipologie Spumante, Frizzante e Tranquillo. La tipologia Spumante è la più apprezzata e a seconda del residuo zuccherino, è prodotta nelle versioni Brut Nature, Extra Brut, Brut, Extra Dry e Dry. L’11 agosto del 2020 è stata inoltre approvata la modifica del disciplinare per l’introduzione della tipologia Rosé.

Il Prosecco DOC Rosé è prodotto solo come Spumante e nelle versioni più secche, da Brut Nature a Extra Dry. Nel 2020 sono state imbottigliate 16,8 milioni di bottiglie di Prosecco DOC Rosé da 111 case spumantistiche, corrispondenti a 31.139 hl, ovvero al 3,4% della produzione totale di Prosecco DOC.  

Si stima che entro il 31 dicembre 2021 il numero di bottiglie imbottigliate e vendute raddoppierà, contando circa 40-50 milioni di bottiglie. L’80-85% percento della produzione è destinata all’export, principalmente tra i seguenti mercati: USA, UK, Canada, Scandinavia, Francia e Sud-Est-Asia.

Torna su ->



Il Territorio

Il termine Prosecco DOC richiama dunque il territorio di produzione di un vino straordinario le cui origini si fanno risalire alla piccola località nei pressi di Trieste che reca appunto questo nome. Spaziando su un totale di 24.450 ettari di vigneti tra Veneto e Friuli Venezia Giulia, il Prosecco sta vivendo oggi una stagione di successi tale da condizionare i flussi turistici di consumatori che una volta innamoratisi del prodotto, partono alla scoperta del territorio che lo origina.

Un territorio generoso dal punto di vista dell’offerta culturale ed enogastronomica, ma anche di grande bellezza, dove i vigneti si alternano a boschi, prati, borghi e città incantevoli. Dalle Dolomiti alla laguna di Venezia, passando per le ville del Palladio e località preromaniche come Aquileia. Non a caso vi si contano una decina di siti riconosciuti dall’UNESCO come patrimonio dell’umanità, quasi a sottolineare la vocazione all’internazionalità di questa grande regione da sempre incrocio di popoli e culture. 

Torna su ->