Tenuta Travaglino: lo spirito dell’Oltrepò in un antico monastero @ Bubble’s #10

Anno 4 - Numero 10

Testo di Andrea Matteucci

19 Gennaio 2021/Cantine

Ci sono luoghi che insegnano il silenzio, una sensazione alla quale alcuni di noi non si abituano mai, soprattutto vivendo in una metropoli, così veloce e piena di suoni da ricordare il set di Koyaanisqatsi, geniale e angosciante film sperimentale dei primi anni ottanta, nel quale l’ansia di fretta e folla disegna un’utopia più che possibile. Nell’Oltrepò pavese ritmi, respiro e cuore rallentano, se ne possono immaginare i suoni, amplificati da un’eco virtuale che li rimanda dalle colline. Le 130 anime che popolano Calvignano, così vicina e così lontana da Casteggio, vivono di vino; molte di loro sono legate con un filo doppio a Tenuta Travaglino, un piccolo universo intorno al quale il paese ruota. Ci accoglie un solenne ed elegante monastero medioevale, interamente restaurato anche negli ambienti interni preservandone colori e architetture originali, divenuto cantina nel lontano 1868, quando il milanese cavalier Vincenzo Comi lo acquista unitamente a 810 pertiche di terreno circostante, più o meno 53 ettari.

Scarica il PDF dell’articolo completo


Bubbles-italia-10

Ricevi comodamente a casa la tua copia di Bubble’s Italia Magazine #10

Attiva il tuo abbonamento a Bubble’s Italia Magazine. Ricevi, a un prezzo speciale, tre numeri della rivista comodamente a casa tua.

Sponsor

Sponsor